1. Contenuto della pagina
  2. Menu di navigazione
  1. Vai alla versione stampabile della pagina
  2. Vai alla mappa del sito

Contenuto della pagina

Cosa significa Aids

Cosa significa Aids

AIDS è un acronimo inglese di sindrome da immunodeficienza acquisita:
- Sindrome significa insieme di problemi di salute che compongono una malattia;
- ImmunoDeficienza significa debolezza del sistema immunitario a combattere la malattia;
- Acquisita significa che si contrae tramite il contatto con il virus.

L'AIDS è una malattia determinata da un virus chiamato HIV (Human Immunodeficiency Virus). Se un soggetto viene infettato dal virus, proverà a combattere l'infezione generando "anticorpi", speciali molecole che testimoniano l'avvenuta infezione ma non sono in grado di debellarla.

Il test HIV ricerca tali anticorpi: quando sono presenti nel sangue significa che il soggetto ha contratto l'infezione. Le persone che hanno gli anticorpi anti-HIV sono chiamate "sieropositive".

Essere sieropositivi non è sinonimo di AIDS. Molte persone sieropositive non progrediscono verso lo stadio clinico chiamato AIDS.

Si definisce AIDS lo stadio clinico caratterizzato da una grave compromissione delle difese immunitarie tale da determinare infezioni da altri virus, parassiti, funghi e batteri normalmente controllati dal sistema immunitario. Queste infezioni definite "opportunistiche" sono caratteristiche di questa malattia e possono avere prognosi infausta.

 

In che modo si contrae Hiv

Il sangue, le secrezioni vaginali, il liquido seminale e il latte materno di persone sieropositive contengono sufficienti quantità di virus tali da potere infettare altre persone.

Si contrae HIV nelle seguenti modalità:
- rapporti sessuali con persone affette dal virus dell'HIV;
- contatto di sangue attraverso lo scambio di oggetti acuminati (siringhe, rasoi) o con trasfusione di sangue o emoderivati infetti
- dalla mamma sieropositiva al bambino durante la gravidanza, il parto o l'allattamento al seno.
In passato, molti hanno contratto HIV con le trasfusioni di sangue provenienti da donatori infetti, ma ora il sangue donato è controllato in modo molto accurato e il rischio di questa via di contagio è estremamente ridotto.
 
Non ci sono casi documentati di HIV trasmesso tramite lacrime o saliva, ma è possibile contrarre l'infezione praticando sesso orale non protetto o in presenza di ferite sanguinanti in bocca o di ulcere genitali.

 

Cosa fare se si scopre di essere sieropositivi

Molte persone sieropositive non sono consapevoli di essere state infettate dal virus HIV: questa infezione può essere del tutto asintomatica per molti anni. Pertanto ciò che deve condurre una persona a eseguire un test HIV non è la presenza di sintomi legati a questa malattia, ma semplicemente la consapevolezza di avere avuto comportamenti di rischio per contrarre HIV.
Se un soggetto effettua un test elisa per l'hiv e l'esito del test è positivo significa che è sieropositivo ed è opportuno che acceda ad una Clinica di Malattie Infettive per fare ulteriori accertamenti diagnostici e per ricevere, quando necessario, i farmaci antivirali in grado di arrestare la progressione della malattia da HIV verso l'AIDS.

Le persone con HIV sia sintomatiche, sia asintomatiche vengono seguite interamente a livello ospedaliero sia per quanto riguarda gli esami diagnostici che per la eventuale terapia antiretrovirale. Questa patologia ti dà diritto ad avere una esenzione totale del tiket che ti permetterà di eseguire tutti i controlli e gli esami diagnostici in forma gratuita.

Anche i cittadini stranieri con permesso di soggiorno possono accedere regolarmente in questi reparti dove riceveranno cure adeguate gratuite.
Le persone straniere senza permesso di soggiorno possono rivolgersi alle associazioni specializzate in assistenza sanitaria a persone migranti.

Una persona sieropositiva oggi può comunque condurre una vita sociale e di relazione normale ma è molto importante evitare sia i rapporti sessuali non protetti sia di scambiare oggetti sporchi di sangue con altri.

E' opportuno che una persona con infezione da HIV abbia uno stile di vita sano, un'alimentazione corretta e una regolare attività fisica.
Sono oggi disponibili tecniche di procreazione assistita in grado di minimizzare il rischio di trasmissione di HIV tra partner sierodiscordanti e terapie antivirali in gravidanza in grado di minimizzare il rischio di trasmissione dalla mamma al bambino.

Una persona sieropositiva, oggi, può comunque condurre una vita sociale e di relazione normale, ma è molto importante evitare sia i rapporti sessuali non protetti, sia lo scambio con altri di oggetti sporchi di sangue.

E' opportuno che una persona con infezione da HIV conduca uno stile di vita sano, si alimenti correttamente e svolga una regolare attività fisica.

 
 
Disclaimer

Menu di navigazione

[www.helpaids.it] Internal server error. Please, try again later.