Condividi
Servizio Sanitario Regione Emilia Romagna
Home > Chiedi all'esperto  >  Uso corretto del servizio  >  Archivio quesiti  >  Risultato ricerca  >  Quesito di Condom del 04.08.2019

Scheda quesito

Nickname:
Condom
Data:
04.08.2019
Quesito:
Buongiorno Prof Guaraldi, un quesito apparentemente banale ma che mi sta creando paranoie. Ho una partner extraconiugale da due anni e mezzo, annualmente ci sottoponiamo a test HIV. Abbiamo solo rapporti protetti. È possibile non accorgersi della rottura del condom dopo il rapporto pur guardandolo, srotolandolo, vedendo lo sperma nel serbatoio e quasi sempre riempiendolo di acqua? A me sembra impossibile che possano esistere microfori , anche perché dovrebbero comunque determinare la completa lacerazione del condom visto il tipo di movimento cui é sottoposto. Per due volte ,molti anni fa, che mi si è rotto il profilattico ho chiaramente visto il glande scoperto ed il condom distrutto alla base del pene . In altre parole Se il condom appare macroscopicamente integro ed il glande coperto dopo il rapporto si può stare tranquilli senza fare ulteriori prove ad esempio riempiendolo di acqua ? Grazie
Risposta di Giovanni Guaraldi:
Gentile utente, confermo parola per parola quanto lei scrive: Se il condom appare macroscopicamente integro ed il glande coperto dopo il rapporto si può stare tranquilli senza fare ulteriori prove.
Cordiali saluti
Prof Giovanni Guaraldi